Solo online

Guado Al Tasso - Il Bruciato

B0020

Nuovo prodotto

1.Produttore.pngProduttore:  Guado Al Tasso

2.nomeok.png Nome:  Il Bruciato

Classificazione:  Bolgheri DOC Superiore

Tipo:  Vino Rosso

Vitigno: 55% Cabernet Sauvignon, 30% Merlot, 15% Syrah

Annata:  2014

Gradazione Alcolica:  13%

Zona Di Produzione:  Bolgheri - Toscana

Maggiori dettagli

Dettagli

Abbinamenti:   Pasta, Carne, Selvaggina, Arrosti

Servizio:   16-18°C.  Decantare per un ora prima di servire

Note Degustative:

Colore: Rosso rubino

Profumo:   Al naso è ricco e attraente, con note di spezie dolci, caffe tostato e piccoli frutti rossi maturi.

Sapore:   Al palato il vino risulta fine ed equilibrato, di buona persistenza e dal retrogusto piacevolmente fruttato.

Informazioni:
Dati storici:
La Tenuta Guado al Tasso è situata a circa 80 km a sud-ovest di Firenze, nei pressi del paese di origine medievale di Bolgheri. La proprietà, di circa 1.000 ettari, si estende dalla costa del Mar Tirreno fino alle colline e comprende, oltre a 300 ettari di vigneti, anche terreni adibiti alla coltivazione di grano, orzo, avena e olivi, nonché un bosco nel quale è presente un allevamento di suini di cinta senese.

Vinificazione:
Le uve selezionate provengono da una rosa di vigneti che si estende per circa 80 ettari e che esprime le caratteristiche tipiche del territorio di Bolgheri. La fermentazione e la macerazione sono state condotte in serbatoi di acciaio inox termo condizionati per un periodo di circa 10-15 giorni ad una temperatura di 28-30°C. Una parte dei mosti di Merlot e Syrah è stata mantenuta a temperature di fermentazione più basse per conservare maggiormente gli aromi varietali. La fermentazione malolattica si è svolta parte in barrique e parte in serbatoi di acciaio inox ed è terminata entro la fine dell'anno. Successivamente il vino è stato travasato e poi rimesso in barriques dove ha riposato per altri 7 mesi, al termine dei quali si è proceduto all'imbottigliamento. Ha fatto seguito un affinamento in bottiglia di 4 mesi.

Clima:
Durante l’autunno e l’inverno le temperature sono state miti con frequenti piogge che hanno saturato e mantenuto freddi i terreni. Il germogliamento è avvenuto a inizio aprile come nella norma e le successive fasi di sviluppo vegetativo e fioritura sono avvenute regolarmente grazie alle temperature miti di maggio e giugno e alla bassa piovosità. Il periodo estivo è stato invece caratterizzato da frequenti precipitazioni e da temperature non elevate fino al momento della vendemmia. Questo ha comportato un ritardo nella maturazione delle uve e un notevole impegno nella selezione dei grappoli sia in campo che sui tavoli di cernita in cantina.

30 altri prodotti della stessa categoria: